IRASENNA

Vai ai contenuti

Menu principale:

Cronostoria

Nel corso dell’età del ferro (nono sec. a.C.) il pianoro,sul quale si sarebbe estesa la città,venne utilizzato per una piccola necropoli (Cava della Pozzolana).

-549- Battaglia del mar Sardo - L’oracolo di Delfi impone a Caere i ludi.

-390- I Galli sconfiggono Roma,i Sacerdoti si rifugiano a Caere. Il Senato romano riconoscente dell’ospitalità di Caere decreta al popolo cerite la concessione della cittadinanza romana “sine suffragio”.

-358-351- Caere entra nella confederazione romana.

-90- Caere divenne municipio romano.

-476- Caere divenne colonia agricola.

-817-
Donazione di Caere dall’imperatore Ludovico 1° al Pontefice Pasquale 1°.

-847-55- S. Michele Arcangelo viene insignito patrono della città da Leone 4°;
i Latrones sono investiti del feudo di Caere e Leone 4° dà loro Porto per protezione dai Saraceni.

-10° sec.- Benedetto,conte della Sabina,occupa L’Abbazia di Farfa e i suoi figli il Castello di Cerveteri.

-962- Caere è donata da Ottone 1° al Pontefice;sarà restituita a Ottone 3° nel 1014.

-999- I Crescenzi,ribellandosi a Ottone 3° e al Pontefice Gregorio 5°,occupano Caere.

-1192- E’ feudo di Pietro Latro della famiglia dei Corsi.

-1195-1215- Fondazione di Cere Nova (Ceri )

-1264- Cerveteri è in mano a Pietro di Vico,consanguineo dei Duchi di Spoleto.

-1285- (1 gennaio)- Pietro Romano Venturini lascia Cerveteri in eredità al figlio Iacobello insieme ad altre terre.

-1290- (1 gennaio)-Atto di divisione tra Giovanni di Bonaventura ed Alessio suo nipote,riguardante pure il Castello di Cerveteri.

-1309- Sono signori di Cerveteri Pietro di Romano Bonaventura dei Venturini e Nicola e Alessio fratelli.

-1356- ( 7 marzo)- Buzio di Romano Bonaventura lascia ai figli Cola,Alessandro e Giovanni,Cerveteri,Giuliano, il Sasso,Campo di Mare e Torricella; a Cola lascia inoltre il Castello di Santa Severa.

-1374- Testamento di Pietro di Romano Bonaventura dè Venturini che lascia ai figli la metà del Castello di Cerveteri.

-1444- Cerveteri divenne di proprietà di Buccio e Nicola figli di Giovanni 5°

-1445- (gennaio)- Paolo 2° toglie Cerveteri ai figli di Everso 2° dell’Anguillara e la restituisce ai Venturini.

-1446- (13 settembre)Nicola Venturini dona il Castello di Cerveteri a Everso e Felice, Conti di Anguillara suoi consanguinei,riservandosene l’usofrutto.

-1472- Il feudo e restituito alla Camera Apostolica; la comunità ottiene in proprietà dal Papa alcuni terreni nell’ambito del territorio feudale.

-1472- (11 maggio)-Il Camerlengo riconosce la consistenza del Comune di Cerveteri e fa dare a Lorenza Orsini 50 fiorini annui dai doganieri del pascolo di Roma,per compenso di qualunque diritto sulla tenuta.

-1481- (4 gennaio)- Sisto 4° investe suo nipote Bartolomeo della Rovere Signore di Cerveteri.

-1487-
(14 giugno)- Bartolomeo della Rovere vende Cerveteri per 7000 ducati a Francesco Cybo figlio del Pontefice.

-1492- ( 3 settembre)- Gentile Virginio Orsini compra da Francesco Cybo i Castelli di Anguillara, Cerveteri, Monteranno,Viano, Stigliano, Ischia e Rota, il tutto per 4000 ducati. Lo stesso Orsini il 12 settembre 1493 donerà a suo figlio naturale Carlo i Castelli di Anguillara,Cerveteri,Monteranno e Bagni di Stigliano.

-1494- Cerveteri viene coinvolta nell’invasione di Roma da parte di Carlo 8° e occupata da Ferdinando 2° D’Aragona, Re di Napoli,che l’anno dopo la restituisce a Virginio Orsini.

-1519- (9 gennaio)- Leone 10° concede a Gentil Virginio Orsini il diritto delle prebende ecclesiastiche dei feudi sull’Aurelia-Clodia compreso Cerveteri.

-1539- Paolo 3° confisca Cerveteri,Anguillara e Monteranno a favore del figlio Pier Luigi Farnese.

-1547- Pier Luigi Farnese viene ucciso dai nobili di Piacenza e il 24 luglio 1548 Paolo 3° restituirà Cerveteri,Monteranno e Riano a Giovanni Giordano Orsini e l’Anguillara a Gentil Virginio, con la facoltà di ipotecarne le terre.

-1551-
(21 aprile)- Divisione del patrimonio Aurelio-Clodiano e Cerveteri assegnata a Paolo Giordano Orsini.

-1552- (1 dicembre) –Statuto del Castello di Bracciano esteso anche al Castello di Cerveteri.

-1559- (12 aprile)- Avviene l’alienazione dei beni Orsini iniziando dalle tenute confinanti col feudo (Centocorvi, Zambra e Bozzoli) a Pietro di Galiano, per 50 scudi a rubbio.

-1560-
(15 ottobre)-“Motu proprio” di Pio 4° sulla erezione del ducato di Bracciano,ove è compreso Cerveteri,a favore di Paolo Giordano Orsini.

-1561- (1 gennaio)- Polo Giordano Orsini fa al proprio zio materno Guido Ascanio Cardinale Sforza di Santafiora,una donazione dei Castelli di Cerveteri, Palo, Sanguinaria,Campo di Mare e Gricciano. Il 1° gennaio 1570 Pio 5° annullerà tale condizione con un “Motu proprio”.

-1585-
Il Cardinale Peretti è Papa Sisto 5° -viene modificato lo statuto.

-1588- (25 ottobre)- Il Principe Orsini cede al Comune di Cerveteri le tenute: Bandita e Banditaccia per l’annua risposta di 250 rubia di grano:il Comune riceve le stesse tenute,riservandosi il diritto di pascoli dei bovi,di semina e di legnare.

-1644- (18 luglio)- Paolo Giordano 2° vende al Cardinale Bernardino Spada tutti i terreni limitrofi riservandosi solo il feudo.

-1674- (5 aprile)- Cerveteri viene venduta a Bartolomeo Ruspoli per 550000 scudi per 2550 rubbia.

-1678- (22 maggio)- Riparazione delle Mura Castellane.

-1760- Costruzione del passetto fra palazzo Ruspoli e la chiesa di Santa Maria dietro l’autorizzazione del Cardinale Acciupidi.

-1783- (25 gennaio)- Secondo il “Catasto Piano” sono assegnati all’Agro Romano i terreni di Cerreto,Vaccina,San Paolo,Monte Abatone,Maddalena e Monte Tosto; Ruspoli deve pagare una dativa reale di 2172,19 scudi.

-1785- (26 maggio)- Riadattamento della “Boccetta” danneggiata per caduta del muro.

-1818- (2 giugno)- La Principessa Leopoldina khevenhuller,moglie del Duca Francesco Ruspoli,acconsente che le ipoteche gravanti il patrimonio Ruspoli in favore di lei vengano riunite nella tenuta di Cerveteri.

-1847- Pio 9° assegna alla città il territorio che costituiva l’Agro Romano (1304 rubbia).

-1865- Regolamento edilizio (28 giugno).

-1881- Erezione del Municipio.

-1925-
Sistemazione del Parco della Rimembranza.

-1926- (3 febbraio)-Inizio costruzione del quartiere San. Pietro.

-1940-
Nuovo catasto edilizio urbano.

-1943- La zona “Prato della Signora” passa dai Ruspoli al Comune.

-1955- (5 agosto)-Ruspoli cede la casetta del guardiano in piazza Santa Maria, che verrà demolita a spese della Curia e ricostruita.

-1957- La Soprintendenza porta a compimento i lavori di restauro della chiesa di Santa Maria Maggiore ad esclusione del campanile,per esaurimento dei fondi.

-1958- Direttore e progettista dei lavori della nuova chiesa di Santa Maria Maggiore è l’Architetto Giorgio Romanini, Progettista per la sistemazione di piazza Santa Maria è l’Arch. Giancarlo Menichetti.

-1960- (20 settembre)-Approvazione nuovo regolamento Edilizio e relativo Programma di Fabbricazione- progettista Arch. Emilio Lombardi.
-1962- (16 gennaio)- Approvazione P.R.G.

-1965- (27 gennaio)- Nomina Arch. G.Miarelli, F. Minissi per revisione P.R.G. del 1962. Il 19 settembre consolidamento e restauro del Comune in piazza Risorgimento da adibire a sede scolastica.

-1966- (9 febbraio)- Pavimentazione di piazza Santa Maria.

-1971- (15 luglio)- Variante al P.R.G. di Cerveteri.Il 30 agosto,consolidamento e restauro stabile ex caserma da adattare a sede comunale( direttore dei lavori Arch. Franco Minnisi). Il 9 settembre,demolizione ex edificio scolastico sito in piazza V. Emanuele ( piazza A. Moro).

-1972- Viene approvato il P.R.G. dell’ Arch. Emilio Lombardi.

-1975- Sistemazione della porta e scalinata verso piazza dei Tarquini su progetto dell’Arch. F. Minnisi.

-1976-
Progetto dell’Arch. Vincenzo Berardi per il restauro di piazza S. Maria e i suoi edifici. Il 28 luglio,donazione allo Stato del Torrione nei pressi della chiesa di Santa Maria e piazza dei Tarquini.

-1981- (6 ottobre)-Approvazione del P.R.G- dell’Arch. Domenico Galli.

-1986- (13 novembre)- Approvazione del Piano di Recupero del Centro Storico(Arch. Benedetto Marini).
Fonte: Bruna Di Berardino


 
Torna ai contenuti | Torna al menu