- reset +

Escursioni

L'associazione organizza

escursioni alternative

su richiesta per:

- CERVETERI

- TARQUINIA

- CIVITA CASTELLANA

Per informazioni:

info@irasenna.org

 

 

 

Tomba dei Capitelli

PDFStampaE-mail

 

Il tipo di compatto carbonioso, incontrato nello scavo dell’ambiente, ha permesso ai costruttori di operare con sicurezza negli intagli, trattando la roccia alla pari del legno. Questo elemento , essenziale per le costruzioni etrusche, è riproposto in modo ineguagliabile nelle travature e sui pilastri, grazie al ripetersi di azioni date dalla maestria acquisita nelle costruzioni reali urbane.

Non è ricercata infatti, sui pilastri, né la precisione geometrica  né l’uguaglianza delle forme. Ogni pilastro ha una sua rastrema tura e un suo numero di sfaccettature. E’ il risultato d’insieme, non il particolare a cui tiene il costruttore. E’ il ripetersi delle azioni necessarie a tagliare la corteccia di un tronco d’albero, risparmiandone una parte per la base, seguito dall’intaglio di un capitello semplice che ripropone un modello della scuola ceretana, legata alla lavorazione del legno.

La camera principale è coperta da un soffitto a telaio che nella parte centrale evidenzia piastrelle da solaio, con scanalature oblique, come quelle ritrovate più volte nell’area della città che, nelle intenzioni dei costruttori, dovevano simulare l’aggiunta di un secondo piano.

 

L’ambiente, corredato anche da 8 piccole klinai, pur essendo ricavato nella viva roccia, risulta caldo ed ovattato e rende, meglio di altre tombe, l’idea della casa etrusca.

Pochill’esterno, il passaggio della via sepolcrale principale taglia il tumulo, risparmiando soltanto 3 gradini di una scala che doveva raggiungere la parte più alta del compatto tufaceo.

 

 

Fonte: B. Zapicchi, Cerevteri

 
Annunci
Banner Connect