- reset +

Escursioni

L'associazione organizza

escursioni alternative

su richiesta per:

- CERVETERI

- TARQUINIA

- CIVITA CASTELLANA

Per informazioni:

info@irasenna.org

 

 

 

Cronostoria

PDFStampaE-mail

Indice
Cronostoria
Pagina 2
Tutte le pagine

 

Nel corso dell’età del ferro (nono sec. a.C.) il pianoro,sul quale si sarebbe estesa la città,venne utilizzato per una piccola necropoli (Cava della Pozzolana).


-549- Battaglia del mar Sardo - L’oracolo di Delfi impone a Caere i ludi.


-390- I Galli sconfiggono Roma,i Sacerdoti si rifugiano a Caere. Il Senato romano riconoscente dell’ospitalità di Caere decreta al popolo cerite la concessione della cittadinanza romana “sine suffragio”.


-358-351- Caere entra nella confederazione romana.


-90- Caere divenne municipio romano.


-476-  Caere divenne colonia agricola.


-817-
Donazione di Caere dall’imperatore Ludovico 1° al Pontefice Pasquale 1°.


-847-55- S. Michele Arcangelo viene insignito patrono della città da Leone 4°;
i Latrones sono investiti del feudo di Caere e Leone 4° dà loro Porto per protezione  dai Saraceni.


-10° sec.- Benedetto,conte della Sabina,occupa L’Abbazia di Farfa e i suoi figli il Castello di Cerveteri.


-962- Caere è donata da Ottone 1° al Pontefice;sarà restituita a Ottone 3° nel 1014.


-999- I Crescenzi,ribellandosi a Ottone 3° e al Pontefice Gregorio 5°,occupano Caere.


-1192- E’ feudo di Pietro Latro della famiglia dei Corsi.


-1195-1215- Fondazione di Cere Nova (Ceri )


-1264- Cerveteri è in mano a Pietro di Vico,consanguineo dei Duchi di Spoleto.


-1285- (1 gennaio)- Pietro Romano Venturini lascia Cerveteri in eredità al figlio Iacobello insieme ad altre terre.


-1290- (1 gennaio)-Atto di divisione tra Giovanni di Bonaventura ed Alessio suo nipote,riguardante pure il Castello di Cerveteri.


-1309- Sono signori di Cerveteri Pietro di Romano Bonaventura dei Venturini e Nicola e Alessio fratelli.


-1356- ( 7 marzo)- Buzio di Romano Bonaventura lascia ai figli Cola,Alessandro e Giovanni,Cerveteri,Giuliano, il Sasso,Campo di Mare e Torricella; a Cola lascia inoltre il Castello di Santa Severa.  


-1374- Testamento di Pietro di Romano Bonaventura dè Venturini che lascia ai figli la metà del Castello di Cerveteri.


-1444- Cerveteri  divenne di  proprietà di Buccio e Nicola figli di Giovanni 5°


-1445- (gennaio)- Paolo 2° toglie Cerveteri ai figli di Everso 2° dell’Anguillara e la restituisce ai Venturini.


-1446- (13 settembre)Nicola Venturini dona il Castello di Cerveteri a Everso e Felice, Conti di Anguillara suoi consanguinei,riservandosene l’usofrutto.


-1472- Il feudo e restituito alla Camera Apostolica; la comunità ottiene in proprietà  dal Papa alcuni terreni nell’ambito del territorio feudale.


-1472- (11 maggio)-Il Camerlengo riconosce la consistenza del Comune di Cerveteri  e fa dare a Lorenza Orsini 50 fiorini annui dai doganieri del pascolo di Roma,per compenso di qualunque diritto sulla tenuta.


-1481- (4 gennaio)-  Sisto 4° investe suo nipote Bartolomeo della Rovere Signore di Cerveteri.


-1487-
(14 giugno)- Bartolomeo della Rovere vende Cerveteri  per 7000 ducati a Francesco Cybo figlio del Pontefice.


-1492- ( 3 settembre)- Gentile Virginio Orsini compra da Francesco Cybo i Castelli di Anguillara, Cerveteri, Monteranno,Viano, Stigliano, Ischia e Rota, il tutto per 4000 ducati. Lo stesso Orsini il 12 settembre 1493 donerà a suo figlio naturale Carlo i Castelli di Anguillara,Cerveteri,Monteranno e Bagni di Stigliano.


-1494- Cerveteri viene coinvolta nell’invasione di Roma da parte di Carlo 8° e occupata da Ferdinando 2° D’Aragona, Re di Napoli,che l’anno dopo la restituisce a Virginio Orsini.



 
Annunci
Banner Connect